Il Presidente

19.00

Autore: Marco Damilano
Editore: LA NAVE DI TESEO
ISBN: 9788834606421

Disponibile su ordinazione

COD: 9788834606421 Categoria:

Descrizione

nota editore

Timidi, estroversi, rispettosi dei limiti, interventisti: ogni presidente della
Repubblica, nella diversità di carattere, è stato un monarca repubblicano,
con la sua corte e i suoi intrighi. Ma all’inizio della storia repubblicana
i presidenti che provarono ad allargare la loro sfera di azione, fino
a essere tentati da avventure autoritarie, furono bloccati dai partiti.
Mentre con lo svuotamento degli altri poteri, la Repubblica parlamentare
prevista dalla Costituzione si è trasformata, senza passaggi formali, in
una Repubblica presidenziale di fatto. Oggi il presidente è il garante del
Paese, sul piano internazionale. All’incrocio tra la fragilità dello Stato
e le richieste della società civile, il quasi miracoloso punto di unità in
mezzo alla frantumazione. Per questo la scelta del prossimo presidente
della Repubblica, nelle prime settimane del 2022, quando si concluderà il
mandato di Sergio Mattarella, già da ora sta condizionando tutte le mosse
dei principali attori politici e il muoversi delle influenze esterne. Per essere
eletti alla carica più alta c’è una lunga corsa sotterranea che parte con
anni di anticipo. Spesso i cavalli di razza vengono eliminati quando erano
arrivati in vista del traguardo e spunta l’outsider non previsto da nessuno.
La battaglia presidenziale è il palcoscenico su cui si muovono gli intrighi
repubblicani, ben più della guida di un governo. Le elezioni del presidente
nella storia sono state segnate, o precedute, da scandali orchestrati per
eliminare i candidati, trattative segrete per condizionare il voto, interventi
di poteri esterni (ieri la Chiesa e la massoneria, gli Usa e l’Urss, oggi i social
e l’Europa), stragi (piazza Fontana, via Fani, Capaci nei giorni del voto).
È sul Quirinale che si può scrivere una avvincente e in gran parte inedita
storia del Deep State repubblicano.

MARCO DAMILANO
è nato a Roma nel 1968, si è laureato in Storia contemporanea presso la Sapienza Università di Roma e ha conseguito un dottorato di ricerca presso l’Università degli Studi Roma Tre. Giornalista, dal 2017 è direttore dell’Espresso, di cui è stato dal 2001 cronista politico-parlamentare, inviato, vice-direttore. È stato co-autore del soggetto e della sceneggiatura del film Piovono Mucche, premio Solinas per la scrittura cinematografica nel
1996. Ospite di numerose trasmissioni televisive, è stato autore e ospite fisso della trasmissione di Rai3 Gazebo e ora partecipa con la rubrica ?lo Spiegone? al programma Propaganda Live in onda il venerdì sera su La7. È autore di numerosi libri tra cui: Il partito di Dio. La nuova galassia dei cattolici italiani (2006); Democristiani immaginari: tutto quello che c’è da sapere sulla Balena bianca (2006); Lost in PD (2009); Eutanasia di un
potere. Storia politica d’Italia da Tangentopoli alla Seconda Repubblica (2012); Chi ha sbagliato più forte. Le vittorie, le cadute, i duelli dall’Ulivo al PD (2013); La Repubblica del selfie. Dalla meglio gioventù a Matteo Renzi (2015); Processo al nuovo (2017); Un atomo di verità. Aldo Moro e la fine della politica in Italia (2018). Nel 2015 ha curato l’intervista a Romano Prodi, Missione incompiuta. Intervista su politica e democrazia.