CON LE ALI SBAGLIATE

14.00

Autore: GABRIELE CLIMA
Editore: UOVONERO
ISBN: 9788896918975

1 disponibili (ordinabile)

COD: 9788896918975 Categorie: ,

Descrizione

Nino, diciassette anni, pochi amici, figlio unico, scopre timidamente i primi amori. Uno su tutti: Tiziano. Nino conosce da sempre la propria omosessualità, ma i suoi genitori (una madre ossessiva e un padre troppo sicuro dell’assolutezza dei propri valori) sono convinti che sia qualcosa di sbagliato, contro natura. Qualcosa da curare. Per questo, Nino si trova nella comunità religiosa gestita da don Claudio, una sorta di ‘clinica’ dove ragazze e ragazzi come lui vanno per ‘guarire’ e ritrovare la loro vera natura, quella voluta da Dio. Quando la situazione diventa insostenibile, la soluzione è la fuga. Inizia così una serie di incontri, alcuni pericolosi, altri salvifici, che Nino farà alla ricerca di sé, per potersi finalmente presentare al mondo come «Nino, maschio, omosessuale». In questo intenso romanzo ispirato a una storia, Gabriele Clima indaga con delicatezza temi scomodi e molto discussi, in particolare quello dell’identità sessuale, che resta ancora una tra le libertà più difficili da tutelare in ogni parte del mondo. Con una prefazione di Matteo Pucciarelli.

Antonio Ferrara, facebook, 20 nov 2020
‘Pesanti e goffi. Come i pinguini.
Così Gabriele Clima racconta i suoi personaggi, in questo libro. Uccelli con le ali sbagliate, proprio come i pinguini. Volatili diversi.
Con voce pacata, con garbo affettuoso, in questo libro l’autore sceglie un tema difficile da affrontare. E chi te lo pubblica, un libro così? Lascia stare, vai a sollevare un vespaio…
E infatti mi risulta che abbia ricevuto diversi rifiuti, ‘sto libro, anche se poi, alla fine, grazie a un editore coraggioso che la diversità la cerca, la mastica e la stampa, ha visto la luce. Parlo di uovonero, of course. E pure con una raffinata veste grafica.
Bene, era ora che qualcuno ci affondasse le mani, in quel magma incandescente, no?
Era ora che ci fosse un sostegno emotivo, uno strumento a cui appoggiarsi per dare voce a chi sussurra, si dibatte e piange nel buio.’ …